edilizia2-1130x300.jpg

Edilizia in legno, primi segnali positivi

Dalle prime rilevazioni, l’edilizia in legno segna un lieve incremento nel 2015 e nel 2016 le importazioni di materia prima fanno ben sperare il comparto

La crescita, seppure timida, la fa segnare il comparto dell’edilizia in legno. Secondo i primi dati FederlegnoArredo, nel 2015 ha confermato i volumi di produzione dell’anno precedente con un lieve incremento pari al 2% circa (rilevazioni Prodcom-Eurostat).

“Si può evidenziare quindi che il comparto delle costruzioni in legno sia stato stabile e in crescita anche nel 2015”, afferma la federazione in una nota. Ma c’è un altro dato che fa ben sperare: è quello relativo al 2016, anno in cui sono aumentate le importazioni di lamellare destinato in gran parte all’edilizia in legno e anche le esportazioni segnano un incremento soprattutto grazie alle vendite destinate alla Germania (+85%).

Prodotti e finiture per l’edilizia

La produzione del macrosistema legno-edilizia/arredo si attesta a 11,6 miliardi di euro con un lieve incremento (+1,7%) sul 2015.

I prodotti per l’edilizia consolidano il volume d’affari registrando un +1% attestandosi a 2,25 miliardi di euro: una crescita timida, legata alle esportazioni e a una sostanziale stabilità del mercato interno. Stessa crescita anche per il comparto delle finiture per l’edilizia, con 3,3 miliardi di euro, soprattutto grazie al mercato interno.

Export e import

In materia di esportazioni, quelle complessive del sistema legno-edilizia/arredo (porte, finestre, pavimenti, edifici e coperture in legno ecc.) sono in crescita anche se – segnala sempre Federlegno-Arredo –  nell’ultimo trimestre il trend è leggermente rallentato e si attesta a circa +1% rispetto al 2015 quando aveva registrato un picco di +10%. Nel 2016, secondo le ultime rilevazioni di novembre si posizionano per il 2016 a 1,73 miliardi di euro.

Le esportazioni complessive di coperture registrano, invece, un buon andamento (+7%): in particolare verso la Germania, primo mercato (+23%) e gli Stati Uniti, secondo mercato (+10%), mentre rallentano Svizzera e Francia.

Sono registrate in calo le esportazioni di finiture rispetto a un mercato interno che invece segna un leggero aumento, in parte collegato alle detrazioni fiscali per ristrutturazione e risparmio energetico. È soprattutto la Francia a segnare un calo, pari all’11%, dopo la crescita del 2015, mentre continua lo sviluppo degli USA che fa evidenziare un lusinghiero +31%. La Russia, nonostante il calo ulteriore del 23% resta il secondo mercato extra UE per i prodotti delle finiture.

In tema di importazioni, l’Austria è il primo fornitore con oltre il 30% del totale, seguita a distanza dalla Cina e dalla Germania. In tema di coperture per l’edilizia i primi fornitori sono Austria e Germania (entrambi in crescita). Le importazioni complessive del macrosistema legno-edilizia/arredo sono state pari a 3,13 miliardi di euro circa.

Autore

Andrea Ballocchi

Andrea Ballocchi

Andrea Ballocchi, giornalista e redattore free lance. Collabora con diversi siti dedicati a energie rinnovabili e tradizionali e all'ambiente. Lavora inoltre come copywriter e si occupa di redazione nel settore librario. Vive in provincia di Milano.

Ultime pubblicazioni

Contattaci