energia3-1130x300.jpg

Pellet con calore

Legna e pellet sono tra le soluzioni più economiche per riscaldarsi e con le ultime generazioni di stufe anche le meno inquinanti

Arriva una nuova generazione di apparecchi a legna e pellet ad alto rendimento con basse emissioni, per combustibili legnosi di qualitá certificata, installazioni e manutenzioni a regola d'arte. Questa la ricetta della nuova campagna "L'Italia che rinnova" che ha l'obiettivo di smentire una serie di lughi comuni sulle stufe a biomasse. Le moderne stufe a legno e pellet, infatti, consentono un risparmio fino al 75% sulla bolletta rispetto alle fonti fossili e abbattono le emissioni fino all'80% rispetto ai vecchi generatori e l'Italia è tra i principali produttori in Europa, dove il 70% degli apparecchi a pellet sono Made in Italy.

L'iniziativa è promossa da Aiel (Associazione italiana energie agroforestali), RisorsaLegno, Anfus (Associazione nazionale fumisti e spazzacamini) e Assocosma (Associazione nazionale costruttori stufe) e da Legambiente e si rivolge ai cittadini con l'obiettivo di fornire una concreta risposta all'esigenza di riscaldarsi in modo sostenibile e conveniente, attraverso gli apparecchi domestici a legno e a pellet che giá oggi rappresentano la seconda fonte di riscaldamento per le famiglie italiane. «L'abbiamo chiamata L'Italia che rinnova, sia per sottolineare la necessitá che il nostro Paese raccolga e vinca la sfida della crescita delle energie rinnovabili, di cui le bioenergie sono parte essenziale, sia perchè proprio il rinnovarsi del settore, in particolare con i moderni generatori di calore a biomasse legnose, consenta di raggiungere obiettivi di una vera rivoluzione energetica per contrastare gli effetti del cambiamento climatico in atto - afferma Marino Berton, direttore generale di Aiel - Serve l'impegno di tutti, dai cittadini alle istituzioni, affinchè il futuro della valorizzazione energetica delle biomasse sia costruito nel rispetto di una gestione forestale sostenibile e responsabile».

Con questa campagna i promotori vogliono anche dare una risposta alle istituzioni impegnate a garantire una migliore qualitá dell'aria attraverso una strategia di rottamazione delle vecchie stufe obsolete con le nuove tecnologie, che riducono le emissioni nocive fino all'80%.

«Legambiente sostiene e promuove 'L'Italia che rinnová perchè è non solo una importante opportunitá per diffondere una cultura attenta all'uso delle rinnovabili e comportamenti di consumo consapevoli e sostenibili, ma anche per raccontare che oggi esistono giá alternative valide e sostenibili alle fonti fossili. E se vogliamo puntare davvero ad un futuro 100% rinnovabile dobbiamo far sì che queste tecnologie siano sempre piú diffuse», dichiara Katiuscia Eroe, Responsabile Energia di Legambiente. E che i risparmi siano evidenti appare chiaro. Da una nostra elaborazione abbiamo visto che il kWh termico prodotto dalle biomasse è conveniente: legna 4,6 centesimi di euro e pallets 7,4, contro i 10,6 del metano e i 22,1 dell'elettricità.

Font e costi a confronto:

Costo per kWh/t in centesimi di euro Fonte
22,1 Elettricità
16,4 Gpl
10,6 Metano
7,4 Pellets
5,3 Pompa calore
4,6 Legna

 

Autore

Sergio Ferraris

Sergio Ferraris

Sergio Ferraris, nato a Vercelli nel 1960 è giornalista professionista e scrive di scienza, tecnologia, energia e ambiente. È direttore della rivista QualEnergia, del portale QualEnergia.it e rubrichista del mensile di Legambiente La Nuova Ecologia. Ha curato oltre cinquanta documentari, per il canale di Rai Educational Explora la Tv delle scienze. Collabora con svariate testate sia specializzate, sia generaliste. Recentemente ha riscoperto la propria passione per la motocicletta ed è divenatato felice possessore di una Moto Guzzi Le Mans III del 1983. Il sito web di Sergio Ferraris, giornalista scientifico. 

Ultime pubblicazioni