ambiente3-1130x300.jpg

UE: natura, acqua, aria e rifiuti: settori chiave da tutelare

63,8 ml di euro stanziati dalla UE per sei progetti integrati facenti parte dei LIFE europei. Tra le aree di intervento, la rete Natura 2000 della Lombardia
  • lombardia

    lombardia

Natura, acqua, aria e rifiuti: quattro settori chiave da tutelare e da promuovere per garantire la qualità della vita dei cittadini. E’ per questa ragione che l’Unione Europea ha deciso di finanziare sei progetti in altrettanti paesi comunitari attraverso un nuovo strumento: i “progetti integrati”. Gli investimenti previsti rientrano nel LIFE, lo strumento creato dall'UE a sostegno e protezione della natura e del clima per finanziare progetti di azione ambientale in tutti i paesi dell’Unione. Per avere un’idea, a partire dal 1992, attraverso i LIFE sono stati co-finanziati circa 4 171 progetti, contribuendo, con circa 34 miliari di euro, alla protezione dell'ambiente e del clima. La commissione europea ha stanziato 63,8 milioni di euro per sei progetti integrati che verranno realizzati in Belgio, Germania, Italia, Polonia, Finlandia e Regno Unito. I sei "progetti integrati" sono stati concepiti per attuare la legislazione ambientale su scala più ampia e aumentare l'impatto dei finanziamenti per i piani elaborati a livello regionale, multiregionale o nazionale. I sei progetti scelti avranno una dotazione di bilancio complessiva di 108,7 milioni di euro inclusi 63,8 milioni cofinanziati dall'UE. Una leva economica molto importante anche in favore dei green jobs e della green economy. Basti pensare che, secondo le stime della Commissione, i progetti in questione “potrebbero mobilitare e coordinare più di 1 miliardo di euro in finanziamenti complementari provenienti sia da fondi agricoli e regionali dell'UE sia da finanziamenti nazionali e privati”. Commentando lo stanziamento Karmenu Vella, Commissario per l'Ambiente affari marittimi e la pesca, ha dichiarato: "Ecco un esempio dell'Europa che investe direttamente nella qualità di vita dei suoi cittadini. Per affrontare al meglio le grandi sfide in materia di salute e di ambiente - dall'inquinamento idrico e atmosferico alla perdita di biodiversità - le politiche esistenti devono lavorare puntando a obiettivi condivisi. I progetti integrati vanno esattamente in questa direzione." I progetti integrati che verranno realizzati in Belgio, Finlandia e Italia contribuiranno a preservare l'ambiente naturale europeo su una scala molto più ampia rispetto al passato. I progetti integrati che riguarderanno Germania e Regno Unito concorreranno all'attuazione di piani di gestione dei bacini idrografici, mentre il progetto della Polonia sosterrà l'attuazione di un piano regionale per la qualità dell'aria. Per l’Italia il progetto integrato riguarderà la Lombardia, in particolar modo con lo scopo di perseguire gli obiettivi di conservazione previsti nelle direttive europee Habitat ed Uccelli, all’interno di Natura 2000. Tra le finalità, vi è quella di lavorare per indirizzare le politiche regionali verso tali obiettivi, prevedere la formazione del personale che lavora nelle aree Natura 2000, realizzare campagne di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e pianificare interventi per conservare la biodiversità come, ad esempio, migliorare la connettività e la lotta contro le specie aliene invasive.

Autore

Letizia Palmisano

Letizia Palmisano

Giornalista dal 2009, esperta di tematiche ambientali e “green” e social media manager. Collabora con alcune delle principali testate eco e scrive sul suo blog letiziapalmisano.it. È consulente sulla comunicazione 2.0 di aziende ed eventi green e docente di social media marketing. In 3 aggettivi: ecologista, netizen e locavora (quando si può).

Ultime pubblicazioni

Contattaci