edilizia5-1130x300.jpg
  • Home
  • EDILIZIA
  • Edilizia in legno, nasce il Gruppo che vuole case durature

Edilizia in legno, nasce il Gruppo che vuole case durature

Il Gruppo Qualità Legno è una realtà che aggrega professionisti che puntano su criteri costruttivi per una edilizia in legno di qualità e duratura

Il legno in edilizia sta vivendo un momento particolarmente favorevole. Negli ultimi anni le costruzioni sono aumentate sensibilmente. Ma non basta o, meglio, non può bastare. «Questo è un momento critico per lo sviluppo del settore delle costruzioni in legno: o ci s’impegna per cambiare paradigma architettonico o saremo condannati al declino. Non sarebbe la prima volta che, a un’espansione considerevole succeda un tracollo: in questo momento stiamo correndo lo stresso rischio. Purtroppo non c’è ancora una cultura del costruire in legno ed è estremamente importante che si sviluppi prima possibile e che ponga le basi per realizzare costruzioni belle e durevoli». A dirlo è Alex Merotto, ingegnere e membro del neonato Gruppo qualità legno (GQL).

È un gruppo che aggrega molti professionisti, professori universitari e operatori del settore uniti dall’idea che la qualità e la durabilità del costruito in legno sia un concetto da rispettare e perseguire. Per questo puntano a fare informazione e non solo. Proprio poche settimane il Gruppo fa ha organizzato il primo congresso italiano dedicato allo stato dell’arte delle costruzioni in legno, introducendo ed evidenziando proprio il tema della durabilità del legno.

Costruzioni in legno, cambiare prima che sia troppo tardi

«Partiamo da una constatazione: il settore dell’edilizia in legno ha vissuto in questi ultimi anni una rapida crescita e quando questo accade, in ogni ambito, è inevitabile sorgano anche problemi. Quella che stiamo vivendo la considero una fase fisiologica che spero possa risolversi al meglio. È una fase delicata, caratterizzata dalla pressoché assoluta assenza di attenzione generale sul tema della durabilità». L’ingegnere, titolare dello studio Woodlab ingegneria per il legno, ricorda che a causa di questa disattenzione progettuale sono accaduti episodi molto gravi che hanno portato purtroppo agli onori della cronaca casi di scuole chiuse dopo un paio d’anni per problemi di marcescenza oppure il crollo della terrazzina di una delle New Town antisismiche de L’Aquila.

Gli aspetti da considerare

Quali sono gli aspetti essenziali da considerare per la costruzione di una casa in legno che offra garanzie concrete di durabilità? «Il problema fondamentale è che si stanno applicando un po’ troppo di frequente tipologie di struttura lignea ad architetture che nulla hanno a che vedere con essa – specifica Merotto – In poche parole, stiamo costruendo case in legno camuffate da abitazioni tradizionali. Se vogliamo studiare la letteratura in materia, occorre guardare ai modelli dei Paesi del Nord America e del Nord Europa. In USA e Canada, infatti, l’edilizia ha il suo fondamento nel legno. Qui ci sono regole precise sulla durabilità, basata principalmente sulla regola delle “quattro D”: Deflection, Drainage, Drying, Durability. Con la prima s’intendono tutti gli accorgimenti utili alla protezione dalla pioggia diretta; la seconda riguarda la possibilità che la pioggia possa scorrere via dai rivestimenti esterni senza ristagnare; la terza riguarda la capacità delle strutture di potersi asciugare, evitando l’impiego di guaine non traspiranti sopra di esse; la quarta e ultima riguarda la durabilità naturale della specie legnosa, che consegue la scelta di specie particolarmente durevoli nei punti più delicati».

L’attività del Gruppo Qualità Legno

Merotto spiega anche le finalità del gruppo, nato per rispondere all’esigenza di dare supporto a professionisti che intendevano e intendono un certo modo di operare e in ottica consortile. «L’unione fa la forza e ce ne vuole per portare avanti le proprie idee e denunciare la scarsa attenzione nei confronti della durabilità e nel rinunciare a un tipo di comunicazione poco professionale», che passa dal promuovere materiali o soluzioni scadenti camuffate col legno. Ricorda, infine, che il gruppo sta lavorando per porre l’attenzione dell’associazione di categoria e degli utenti quali sono le opportunità e i problemi: «stiamo collaborando col gruppo Assolegno per la predisposizione di documenti tecnici che verranno pubblicati nei prossimi mesi e che offriranno una panoramica precisa del contesto in cui ci si muove. La prima serie di tali documenti anticiperanno il secondo congresso del Consorzio». Merotto conclude evidenziando il sostegno di Federlegno arredo e Assolegno: «si sono dimostrati molto sensibili al problema e stanno appoggiando concretamente la nostra iniziativa».

Autore

Andrea Ballocchi

Andrea Ballocchi

Andrea Ballocchi, giornalista e redattore free lance. Collabora con diversi siti dedicati a energie rinnovabili e tradizionali e all'ambiente. Lavora inoltre come copywriter e si occupa di redazione nel settore librario. Vive in provincia di Milano.

Ultime pubblicazioni

Contattaci