energia3-1130x300.jpg
  • Home
  • ENERGIA
  • L’autoconsumo fotovoltaico gestito per l’uso termico

L’autoconsumo fotovoltaico gestito per l’uso termico

Un incremento dell’autoconsumo consente di ridurre la quantità di energia acquistata dalla normale rete elettrica

Si parla sempre più di energia autoprodotta, tuttavia la gestione ottimale dell’autoconsumo deve passare anche per l’implementazione di opportuni accorgimenti tecnologici. Per chi non lo sapesse, l’autoconsumo nell’ambito energetico si riferisce all’utilizzo dell’energia elettrica che viene generata da un impianto fotovoltaico nello stesso istante in cui è generata. La quota di autoconsumo dipende dall’utilizzo dell’energia elettrica che viene fatto durante le ore della giornata. Un incremento dell’autoconsumo consente di risparmiare visto che si va a ridurre la quantità di energia acquistata dalla normale rete elettrica. Pertanto l’autoconsumo dell’energia che viene prodotta dal proprio impianto fotovoltaico permette di ridimensionare i costi che si accumulano nella bolletta energetica. Una possibilità per migliorare la capacità di autoconsumo è offerta dai boiler elettrici per il riscaldamento dell’acqua sanitaria, i quali permettono di immagazzinare il surplus di energia prodotta dall’impianto fotovoltaico. Va detto che ci sono delle applicazioni tecnologiche che hanno la potenzialità di controllare in tempo reale la potenza assorbita dal boiler, in maniera tale da evitare che si debba ricorrere a quella della normale rete elettrica. Consentono in altre parole di utilizzare solamente l’energia effettivamente disponibile prodotta dall’impianto fotovoltaico. Uno di questi strumenti è ad esempio 4-noks Power Reducer, progettato e prodotto in Italia da Astrel Group, il cui controllo elettronico modula in modo lineare l’assorbimento di potenza della resistenza elettrica collegata all’impianto fotovoltaico. Approfittando di questa soluzione tecnologica l’andamento dei consumi energetici necessari per riscaldare l’acqua si mantiene entro la curva di generazione dell’energia autoprodotta, evitando che si verifichino quei “picchi” di consumo tipici dei normali elettrodomestici.