aziende-e-prodotti2-1130x300.jpg
  • Azienda/Ente di appartenenza: BTicino
  • Categorie merceologiche: Energia
Basse perdite a vuoto e a carico consentono rapidi ritorni dell’investimento e minori emissioni di CO2 in atmosfera. I trasformatori Green T.HE sono progettati secondo il regolamento 548/2014/CE

Green T.HE è un trasformatore di Media Tensione di altissima qualità che offre eccellenti prestazioni e affidabilità nel tempo, e, se con caratteristiche standard, una garanzia di 8 anni.

La progettazione ecocompatibile secondo il Regolamento 548/2014/CE e la qualità dei materiali costruttivi sono le caratteristiche fondamentali di questi trasformatori a elevata efficienza energetica, sviluppati e prodotti presso gli stabilimenti BTicino di Teramo. 

Vantaggi economici e ambientali

Per una valutazione economicamente corretta, al momento dell’acquisto di un trasformatore, è necessario prendere in considerazione soprattutto il costo di esercizio della macchina.

Il prezzo d’acquisto, infatti, è solo una parte marginale dell’investimento totale: il costo di esercizio (legato in prevalenza alle perdite) rappresenta oltre l’80% del costo totale.

La classificazione di un trasformatore in resina è in base al valore delle perdite a vuoto (P0) e a carico (Pk) caratteristiche della macchina stessa. Le perdite P0 sono indipendenti dal carico e sono costanti per tutto il periodo in cui il trasformatore rimane allacciato alla rete elettrica. Le perdite Pk, invece, si presentano solo quando al trasformatore è collegato un carico e variano in modo quadratico con la corrente che alimenta il carico. 

Il regolamento 548/2014/CE

Il 21 maggio 2014 la Commissione Europea ha emanato il Regolamento 548/2014/CE, che reca  le modalità di applicazione della direttiva 2009/125/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, relativa all’istituzione di un quadro di riferimento per l’elaborazione di specifiche per la progettazione ecocompatibile dei prodotti connessi all’energia.

Il Regolamento riguarda i trasformatori elettrici di piccola, media e grande potenza e fissa i requisiti (obbligatori) in materia di progettazione ecocompatibile per i trasformatori elettrici con una potenza minima di 1 kVA utilizzati nelle reti di trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica. Indica le perdite massime a carico e a vuoto e le condizioni di prova che devono essere rispettate dalle varie tipologie di trasformatori.

Il regolamento sarà applicato in due fasi:

  • I trasformatori “acquistati”, “immessi sul mercato” o “messi in servizio” – dal 01/07/2015 fino al 30/06/2021 – devono essere pienamente conformi ai valori della “Fase 1” del Regolamento. 
  • I trasformatori “acquistati”, “immessi sul mercato” o “messi in servizio” dal 01/07/2021 dovranno essere pienamente conformi ai valori della “Fase 2”.

I trasformatori BTicino TH.E già oggi rispettano le indicazioni del regolamento per quanto riguarda le perdite massime a carico e a vuoto. 

Green Transformers High Efficiency (T.HE)

I trasformatori in resina MT/BT, come quelli BTicino, sono classificati in base alle perdite: a vuoto sono ammesse le classi Ao e Bo, e a carico le classi Ak e Bk.

Nella prima fase di applicazione del regolamento (sino al 30/06/21) sono ammesse le classi:

  • AoBk per trasformatori con potenza nominale compresa tra 100 e 630kvA
  • AoAk per trasformatori con potenza nominale compresa fra 100 e 3150 kvA

Nella seconda fase, dall’1/07/21 per tutti trasformatori con Potenze nominali  tra 100 e 3150 kvA la classe dovrà essere Ao*Ak con Ao* = Ao-10% 

Riduzione dell’impatto ambientale

Ridurre i consumi di un trasformatore significa diminuire anche le emissioni di CO2 limitando l’impatto ambientale della macchina. Riducendo le perdite, un trasformatore Green T.HE consente di ridurre, in 20 anni di lavoro, di migliaia di tonnellate le emissioni di CO2 nell’atmosfera.

Il vantaggio ambientale, diviene un vantaggio economico nei paesi dove è stato introdotto un mercato basato sulla premialità delle riduzioni della quantità di emissioni di CO2. Le aziende che non rispettano i limiti pagano l’eccedenza, quelle che li rispettano non si devono accollare la spesa suppletiva e possono vendere, e quindi monetizzare, i crediti di CO2. 

Riduzione dell’impatto ambientale alla fine del ciclo di vita

Quando un trasformatore BTicino avrà esaurito il proprio ciclo di vita lavorativo, tutti i materiali che lo compongono potranno essere riciclati o facilmente smaltiti, come dichiarato nel documento PEP (profilo ambientale di prodotto) che descrive l’impatto ambientale di un prodotto lungo tutto il suo ciclo di vita (dall’estrazione delle materie prime per la sua produzione, fino alla sua dismissione). 

Certificazioni e prove di accettazione

Tutti i trasformatori in resina BTicino sono singolarmente collaudati e devono superare le prove di accettazione (ed eventualmente di tipo, se richieste in fase di ordinazione). Al termine delle prove di accettazione è allegato a ogni trasformatore uno specifico bollettino di collaudo.

Affidabilità garantita 

Green T.HE di BTicino sono trasformatori di altissima qualità che garantiscono ottime prestazioni, solidità e affidabilità nel tempo.

Casella di testo:

Sottoponendo i trasformatori Green T.HE alla misura delle scariche parziali* (secondo CEI EN 60076-11 ovvero IEC 60076-11) sono stati rilevati valori sempre al di sotto di 5 pC (prestazioni molto superiori a quelle richieste dalla norma che fissa il valore massimo a 10 pC).

Grazie all’eccellente qualità dei suoi prodotti, BTicino ha deciso di estendere a 8 ANNI la garanzia di prodotto per tutti i suoi trasformatori con caratteristiche standard.

La gamma Green T.HE è certificata da ACAE ed è l’unica sul mercato completamente testata e certificata da un ente terzo.

*Basse scariche parziali = Alta qualità

Secondo la normativa di prodotto che regola la progettazione dei trasformatori in resina (CEI EN 60076-11 ovvero IEC 60076-11), tutti gli avvolgimenti con tensione ≥ 3,6kV devono essere sottoposti alla misura delle scariche parziali: il valore rilevato non deve superare i 10 pico Coulomb (pC). Le scariche parziali sono fenomeni microscopici che avvengono all’interno delle cavità della resina isolante e che ne velocizzano l’invecchiamento. Per questo è importante che i valori di queste correnti siano estremamente limitati.

Un basso valore delle scariche parziali è indice di una serie di fattori positivi tra cui: adeguati e consolidati criteri progettuali, qualità delle materie prime utilizzate, precisione durante le fasi di avvolgitura del nastro conduttore, competenza nel processo di colata della resina epossidica intorno, all’avvolgimento di alta tensione, alto coefficiente d’impregnazione della bobina di bassa tensione rigore nell’assemblaggio finale dei semilavorati.

Minore sarà quindi il livello di scariche parziali rilevato, maggiore sarà la resistenza agli stress lavorativi e, di conseguenza, l'aspettativa di vita del trasformatore in esame.

A seconda della tipologia le scariche si possono si distinguere in:

  • Effetto corona (meccanismo di scarica che ha luogo in corrispondenza di estremità appuntite in un dielettrico gassoso.)
  • Scariche superficiali
  • Scariche interne (rappresentano la principale causa della diminuzione della vita del materiale isolante.)
  • Treeing (canale di scarica ramificato): è il canale di pre-scarica che si forma in seguito al degrado dell’isolamento e che porta alla scarica distruttiva.

Azienda/Ente di appartenenza

BTicino

BTicino

Viale Borri, 231 - 2110 Varese (Va) Tel. 0332 272111 800 837035

Altri prodotti dell'azienda

Realizzazioni correlate

Da BTicino una nuova offerta premium con interfacce touch per il mondo degli hotel

Il catalogo BTicino delle soluzioni per la progettazione e realizzazione degli hotel si arricchisce con una serie di nuove interfacce

BTicino per la realizzazione del polo logistico di Basiano

L'alimentazione elettrica e l'affidabilità della rete sono alla base del corretto funzionamento di uno dei grandi poli logistici italiani

Articoli correlati

Cerca tra i prodotti

Cerca tra i prodotti