energia6-1130x300.jpg

La Commissione UE lancia il pacchetto ‘Fit for 55’

In arrivo un pacchetto di proposte legislative finalizzato a consentire una riduzione delle emissioni nette di gas a effetto serra del 50%, entro il 2030

"L'economia dei combustibili fossili ha raggiunto i suoi limiti, servono nuovi modelli. Abbiamo mantenuto la promessa. L'Europa è il primo continente che presenta un'architettura globale per realizzare le nostre ambizioni climatiche con una tabella di marcia. Attribuire un prezzo al carbonio sarà il punto centrale che guiderà l'economia e sarà legato a un fondo sociale".

Il pacchetto Fit for 55 contiene 13 proposte legislative sull’energia e sul clima, che hanno lo scopo comune di mettere l’Unione Europea in condizione di centrare l’obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra del 55% entro il 2030 come previsto dalla Legge Clima.

Il Green Deal europeo, presentato nella comunicazione (COM(2019)640) dell'11 dicembre 2019, definisce una visione dettagliata per rendere l'Europa il primo continente climaticamente neutro entro il 2050, salvaguardare la biodiversità, istituire un'economia circolare ed eliminare l'inquinamento, mentre rafforzare la competitività dell'industria europea e garantire una transizione giusta per le regioni e i lavoratori interessati. Con l'annuncio del Green Deal europeo, la presidente della Commissione Ursula von der Leyen si è impegnata a presentare un piano completo e responsabile, nel suo discorso sullo stato dell'Unione del 17 settembre 2020, ha proposto di fissare l'obiettivo di riduzione al 55%, insieme a una revisione della legislazione dell'UE in materia di clima ed energia entro giugno 2021, un obiettivo di spendere il 37% dei 750 miliardi di euro NextGenerationEU recovery fund sugli obiettivi del Green Deal e l'intenzione di raccogliere il 30% del budget NextGenerationEU attraverso i green bond.

Lo stesso giorno la Commissione ha adottato la comunicazione "Rafforzare l'ambizione climatica dell'Europa per il 2030 - Investire in un futuro climaticamente neutro a beneficio dei nostri cittadini" (comunemente nota come Piano degli obiettivi climatici dell'UE per il 2030). Include anche un obiettivo aggiornato di riduzione delle emissioni per il 2030 del 55% netto rispetto ai livelli del 1990, dall'attuale obiettivo di riduzione delle emissioni del 40%.

Queste le iniziative annunciate per il per il secondo trimestre (Q2) del 2021, di una transizione sostenibile europea:

  • Revisione del sistema di scambio di quote di emissione dell'UE (ETS), compresi il settore marittimo, aereo e CORSIA, nonché una proposta per l'ETS come risorsa propria;
  • Meccanismo di adeguamento alle frontiere del carbonio (CBAM) e una proposta per il CBAM come risorsa propria;
  • Regolamento sulla condivisione degli sforzi (ESR);
  • Revisione della direttiva sulla tassazione dell'energia;
  • Modifica alla direttiva sulle energie rinnovabili per attuare l'ambizione del nuovo obiettivo climatico per il 2030 (RED);
  • Modifica della direttiva sull'efficienza energetica per attuare l'ambizione del nuovo obiettivo climatico per il 2030 (EED);
  • Ridurre le emissioni di metano nel settore energetico;
  • Revisione del regolamento sull'inclusione delle emissioni e degli assorbimenti di gas a effetto serra derivanti dall'uso del suolo, dal cambiamento di uso del suolo e dalla silvicoltura (LULUCF);
  • Revisione della direttiva sulla realizzazione di un'infrastruttura per i combustibili alternativi;
  • Revisione del regolamento che fissa gli standard di prestazione delle emissioni di CO₂ per le nuove autovetture e per i nuovi veicoli commerciali leggeri.

Queste le iniziative annunciate per il quarto trimestre (Q4) del 2021:

  • Revisione della prestazione energetica della Direttiva Edifici (EPBD);
  • Revisione del Terzo Pacchetto Energia per il gas (Direttiva 2009/73/UE e Regolamento 715/2009/UE) per regolamentare i mercati competitivi del gas decarbonizzato.