ambiente3-1130x300.jpg

Manifattura di precisione, intervista al Ceo Founder di Roboze Lorusso

Giovanissimo imprenditore pugliese dell'additive manufacturing, Alessio Lorusso racconta la sua esperienza e passione nella stampa 3d

Alessio Lorusso è un esempio di imprenditore trascinato dalla propria passione, sostenuto dalla propria perseveranza e dotato di un’innata abilità nel risolvere problemi, mettendoli in fila e affrontandoli con il giusto equilibrio tra conoscenza, coraggio e pragmatismo.

Il percorso della sua crescita affascina, come è lecito pensare abbia fatto e continui a fare nei confronti dei suoi numerosi collaboratori, scelti con cura in ambiti diversi e di varia estrazione culturale. I suoi risultati non mentono e narrano di una realtà in crescita esponenziale, sempre più in ambito internazionale.Egli, per istinto, da giovanissimo imbocca la strada dell’impresa nel settore dell’Additive Manufacturing (la Stampa 3D) intravedendo in questa tecnologia, già dai suoi albori, nuove e rivoluzionarie potenzialità. Concentra gli sforzi e raggiunge il successo con il solo chiaro obiettivo di creare una realtà propria, la Roboze, capace di trarre il massimo beneficio dal nuovo approccio e soddisfare esigenze sentite e rimaste irrisolte nel mondo tradizionale della meccanica.

In questa intervista, Alessio (si fa dare del tu) ci racconta un po’ della sua storia e ci porta in un mondo fatto di oggetti la cui realizzazione non è limitata da vincoli tecnologici legati alle lavorazioni e che, quindi, sembra proprio essere come quella sua idea imprenditoriale che, a partire da un’idea visionaria, ha trovato la sua realizzazione esattamente com’era stata pensata da chi l’ha concepita.

Si tratta di una storia di innovazione davvero esemplare che incuriosisce molto, merita grande attenzione e certo può costituire fonte di ispirazione per i giovani più intraprendenti.

Clicca qui per leggere l'intera intervista a cura di Giuseppe Starace, Università LUM