edilizia2-1130x300.jpg

Edilizia sostenibile, ecco le eccellenze del Klimahouse Prize 2022

Fiera di Bolzano e Politecnico di Milano hanno assegnato i premi dedicati alle aziende più innovative ed efficienti dell’edilizia

La diciassettesima edizione di Klimahouse, manifestazione internazionale dedicata all'edilizia virtuosa, si inserisce in un quadro geopolitico che vede al centro le critiche questioni della dipendenza energetica e dei rincari in bolletta. Tematiche che toccano il mondo delle istituzioni, delle imprese ma anche tutti i cittadini e che si affiancano ad un'altra problematica di stretta attualità, quella dell'emergenza climatica.

Sebbene il dibattito sulle strategie per fronteggiare la situazione sia tutt'ora in corso,  le soluzioni alternative in grado di abbattere i consumi, aumentare l’efficienza e azzerare gli impatti sono già a portata di mano. Lo dimostra il Klimahose Prize, una tra le iniziative più importanti della manifestazione rivolto alle aziende che si sono distinte per innovazione, economia circolare e capacità di evoluzione del mercato.

La gara tra le migliori realtà dell'edilizia sostenibile si è giocata proprio su questi tre fronti e la giuria, capitanata dal Professor Niccolò Aste del Politecnico di Milano, ha decretato le eccellenze nelle categorie Innovation, Circle e Market Performance. Un ulteriore premio è stato assegnato alla migliore Startup che, insieme alle altre in gara, ha partecipato all'esposizione collettiva del Future Hub all'interno dei padiglioni della fiera.

I  vincitori delle quattro categorie, che hanno avuto la possibilità di presentare al pubblico i propri progetti sotto forma di pitches nei primi due giorni della fiera, sono stati annunciati venerdì 20 maggio alle ore 15 durante la cerimonia ufficiale di premiazione trasmessa anche in diretta streaming.


Per la categoria Innovation, rivolta ai prodotti/servizi che hanno saputo apportare una significativa innovazione tecnologica nel proprio settore di riferimento, spostando in avanti l’orizzonte delle prestazioni e della qualità tecnico-economica ottenibili, il vincitore è:

➢      Schöck Bauteile GmbH con Schöck Tronsole

➢      Motivazione della giuria: sistema per l’isolamento al rumore da calpestio, con cuscinetti e profili elastomerici inseriti nei raccordi dei giroscale. Il prodotto rappresenta una soluzione completa per l’isolamento acustico di scale monolitiche prefabbricate. Oggi più che mai il fattore acustico si affianca ai requisiti termici ed energetici per garantire il comfort interno.

Per la categoria Circle, rivolta a prodotti/servizi che si distinguono per una forte vocazione nei confronti dell’economia circolare, della salvaguardia dell’ambiente e della salute delle persone, attraverso l’utilizzo di materiali rinnovabili, biologici, riciclabili o riciclati, il vincitore è:

➢     BIOmatCanapa by Pedone Working con CANAPAFOR green

➢      Motivazione della giuria: ideale per ridurre l’energia incorporata delle costruzioni, questo mattone naturale, composto da legno di canapa e legante aereo, presenta elevate prestazioni termoacustiche ed una notevole leggerezza, grazie alla sapiente disposizione della foratura.


Per la categoria Market Performance, rivolta a prodotti che hanno dimostrato la capacità di incontrare e soddisfare le esigenze di ampie fasce di utenti, ottenendo una larga diffusione sul mercato ed assumendo il ruolo di punti di riferimento per il settore, con particolare riguardo agli aspetti di sostenibilità ed efficienza energetica, il vincitore è:

➢     Clivet Spa con SPHERA EVO 2.0 EASYHYBRID

➢      Motivazione della giuria: il Sistema Ibrido SPHERA EVO 2.0 EASYHybrid è una soluzione integrata con spazi di ingombro contenuti, data dalla combinazione di pompa di calore e caldaia a condensazione e dotata di un algoritmo di ottimizzazione che  permette di soddisfare la richiesta termica con la minor spesa economica e la massima efficienza energetica.

Infine, per la categoria Startup, dedicata alle realtà imprenditoriali/aziendali emergenti, capaci di offrire servizi/prodotti a forte contenuto innovativo, il vincitore è:

➢     Isinnova con BRIX:

➢      Motivazione della giuria: il sistema permette di costruire con un unico elemento sia strutture verticali (pareti) sia strutture orizzontali (solai o coperture). Per la realizzazione di pareti, le travi disposte verticalmente, ad interasse costante, vengono incastrate con elementi identici, ma disposti orizzontalmente (correnti). All’esterno sono previsti pannelli di rinforzo fissati alle travi BRIX per irrigidire la struttura. Le travi e i pannelli di rinforzo sono in legno microlamellare LVL di abete. La versatilità di BRIX rende possibile realizzare abitazioni, ampliamenti di strutture già esistenti, moduli da interno e da esterno e persino arredi strutturali.

La giuria chiamata all'importante fase di selezione è composta  da esperti del settore energia-edificio-ambiente impegnati in progetti di ricerca e sviluppo e realizzazioni di portata internazionale come il Prof. Andrea Gasparella, Libera Università di Bolzano, Ing. Wolfram Sparber, Institute of Renewable Energy EURAC research, Arch. Ute Oberrauch, Studio Ute Oberrauch, Ulrich Klammsteiner, Direttore Tecnico Agenzia CasaClima, Ing. Oscar Stuffer, Solarraum, e la  giovane giurata under 35, Ing. Claudia Fiabane.

Giurati speciali per la categoria Startup, Stefano Dal Savio, Head of Tech Transfer Green - NOI Techpark, ed Eva Ogriseg, CEO TBA - Tyrolean Business Angel network.

Un'ulteriore inziativa nata quest'anno è il premio per la migliore Startup del settore Mobility, con in giuria Camila Tellez, Plug & Play – Motorvalley Accelerator.  Vincitrice, proclamata durante il Klimamobility Congress, la startup torinese 2electron che sviluppa una soluzione software per riportare le emozioni di guida sugli EV, sia sulle due che sulle quattro ruote.