edilizia4-1130x300.jpg

Impianto elettrico Scuola Oliver Twist

La scuola è stata realizzata adottando il sistema Light Management di BTicino che consente un risparmio sui consumi elettrici attorno al 60%
  • oliver-twist

    oliver-twist

  • Fabbisogno complessivo annuo di energia primaria (kWh/anno)

    Fabbisogno complessivo annuo di energia primaria (kWh/anno)

  • oliver-twist_schema-funzionamento

    oliver-twist_schema-funzionamento

Il risparmio indicativo con l'adozione del sistema Light Management si aggira attorno al 60% La Scuola Oliver Twist è un complesso scolastico multidisciplinare aperto nel 2009 a circa 250 ragazzi dai 14 ai 18 anni, dove le attività didattiche sono affiancate a momenti di formazione e accoglienza. La scuola, gestita dal Gruppo Cometa, è composto da un edificio scolastico ai margini del Parco Regionale della Spina Verde a Como in grado di ospitare 10 aule multifunzionali, 3 laboratori, spazi per uffici, un servizio di mensa in grado di garantire 200 pasti al giorno, un salone polifunzionale e varie attrezzature sportive. Una delle sfide che Cometa Formazione ha voluto vincere è stata quella di realizzare una struttura rispettosa dell’ambiente, applicando, fin dalla progettazione, una serie di interventi per controllare gli impatti ambientali delle proprie attività. La Scuola Oliver Twist, uno dei primi istituti d’istruzione e formazione professionale in Lombardia certificati in classe A, vuole divenire un modello funzionale da esportare e condividere con altre realtà scolastiche. Nell’edificio sono presenti sistemi di contenimento delle dispersioni di calore, attraverso l’utilizzo combinato di materiali isolanti per le pareti, per i tetti e per i pavimenti. E’ stato inoltre ridotto il fabbisogno di energia fossile a favore dell’impiego di energie rinnovabili, grazie all’utilizzo di soluzioni impiantistiche d’avanguardia, come la cogenerazione, la pompa di calore e il sistema di ventilazione con recuperatore di calore. Tra i principali interventi che hanno reso possibile l’ottimizzazione del risparmio energetico, si colloca la razionalizzazione dei consumi dell’energia utilizzata per l’illuminazione. Con il sistema Lighting Management di BTicino è stato possibile differenziare l’intensità di illuminazione all’interno degli spazi, riducendola in prossimità delle finestre e potenziandola al fondo dei locali. In particolare la gestione dell’illuminazione nelle aule è realizzata tramite controllo automatico del livello per zone. Sul soffitto sono presenti 8/10 sensori di presenza/luminosità. Rilevata la presenza di persone nel locale ciascuno di essi verifica il livello di illuminazione della zona di sua competenza. Il sistema integra le varie informazioni ricevute e, secondo una serie di algoritmi, comanda l’accensione e il livello di illuminazione dei vari corpi illuminanti in modo da garantire una distribuzione uniforme in tutto il locale, e/o a secondo dei casi, più forte in corrispondenza della lavagna/cattedra. Questo consente di garantire un’illuminazione ieale per una visione ottimale, in tutto il locale. In proposito è importante sottolineare come l’occhio umano, grazie ad una discreta capacità di dilatazione della pupilla, abbia un elevato grado di adattamento alla luce, in particolare, agli elevati livelli dell’illuminazione naturale. Per questo l’occhio umano si adatta facilmente agli elevati livelli di sistemi di illuminazione non dimmerati, che fornisco illuminazione ben superiore a quella ideale richiesta, consumando inutilmente energia e contribuendo alla degradazione delle prestazioni delle fonti di illuminazione e al loro esaurimento. La gestione combinata dell’illuminazione artificiale con quella naturale mantiene costante il livello di luce anche al variare delle condizioni esterne consentendo di mantenere la luce accesa solo dove e quando serve e provvedendo allo spegnimento automatico negli ambienti non occupati, con la conseguente riduzione degli sprechi. Questo sistema, rispetto ad un impianto che utilizza la classica tecnica on/off, garantisce quindi anche un minor affaticamento visivo, garantendo il migliore equilibrio possibile tra illuminazione naturale e illuminazione artificiale. La programmazione temporizzata poi consente di spegnere l’illuminazione quando i locali non sono utilizzati. Il sistema di Light Management gestiste integralmente l’illuminazione di tutti i sei piani dell’edifico: dalle aule ai corridoi, dai servizi comuni al parcheggio interrato. L’impianto, realizzato con un sistema di supervisione con tecnologia BUS, dispone di una postazione di controllo su PC localizzata nel locale del Centro Elaborazione Dati. Il sistema si basa su rivelatori ad infrarossi passivi che gestiscono integralmente i corpi illuminanti. Il salone polifunzionale è dotato anche di un sistema gestione per scenari per adattare l’illuminazione al variare delle destinazioni d’uso. Una simulazione sul consumo energetico dell’illuminazione, ha calcolato, con l’impiego del sistema di Lighting Management, un risparmio indicativo del 55/60%.

Condividi

Di' che ti piace su...