Clima

Usa: incertezza sul clima

La Corte Suprema statunitense ha bloccato, per ora, le politiche di Obama sul clima

Scritto da il 15 febbraio 2016 alle 9:00 | 0 commenti

Usa: incertezza sul clima

Arriva il primo stop alle politiche climatiche del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama. La Corte Suprema il più alto tribunale degli Stati Uniti, infatti, con una decisione adottata a maggioranza ha bloccato il provvedimento di Obama per regolare le emissioni di anidride carbonica delle centrali elettriche, almeno fino a quando tutti i ricorsi legali non saranno esaminati.

Ideati dalla US Environmental Protection Agency (EPA) per ridurre le emissioni degli Stati Uniti del 32% entro il 2030, con un notevole programma per il passaggio alle energie rinnovabili, il Clean Power Plan è stato ostacolato da 27 Stati, per lo più controllati dal partito repubblicano, che hanno fatto ricorso a un tribunale di grado inferiore sostenendo che il piano violasse i loro diritti. Un primo tentativo di fermare l’attuazione del piano era stato respinto da una corte d’appello di Washington nel mese di gennaio. Qualche giorno fa, però, cinque giudici su nove della Corte Suprema hanno votato per sospendere il piano in attesa dell’esito del contenzioso. Si tratta di duro colpo per Obama, che aveva fatto del progetto il pilastro della sua lotta politica contro i cambiamenti climatici e aveva costituito l’elemento chiave degli impegni presentati da Washington alla Conferenza sul clima di Parigi (Cop 21) dello scorso dicembre, il cui testo era stato modificato proprio per non far passare l’accordo attraverso la ratifica del Senato statunitense, dove avrebbe trovato non pochi ostacoli.

In una dichiarazione del portavoce Josh Earnest, la Casa Bianca ha ribadito la sua “fiducia” nella legalità della sua lotta contro i cambiamenti climatici. «Non siamo d’accordo con la decisione della Corte Suprema di sospendere il ‘Clean Power Plan’ – si legge nella nota – il piano si basa su fondamenta solide dal punto di vista tecnico e legale, dà agli Stati il tempo e la flessibilità di cui hanno bisogno per sviluppare su misura piani efficaci per ridurre le emissioni e offrirà una qualità dell’aria migliore, un miglioramento della salute pubblica, occupazione in tutto il paese e importanti progressi nell’affrontare i rischi posti dai cambiamenti climatici».

La disposizione della Corte Superma è un chiaro indicatore di quante e quali siano le vere difficoltà in tema di cambiamenti climatici all’interno degli Stati Uniti. Il clima spacca verticalmente l’opinione pubblica e la politica a stelle e strisce e l’applicazione della risoluzione di Cop 21 potrebbe essere messa in dubbio dalle prossime elezioni presidenziali. Una vittoria dei repubblicani, infatti, farebbe fare una sonora marcia indietro agli Stati Uniti, sul clima, mentre per quanto riguarda i democratici, l’incisività della lotta ai cambiamenti climatici dipenderà di sicuro dal candidato.


Rispondi

Nome (richiesto)

Email (richiesta, non verrà pubblicata)

Sito web (opzionale)


Condividi


Tag


L'autore

Sergio Ferraris

Sergio Ferraris, nato a Vercelli nel 1960 è giornalista professionista e scrive di scienza, tecnologia, energia e ambiente. È direttore della rivista QualEnergia, del portale QualEnergia.it e rubrichista del mensile di Legambiente La Nuova Ecologia. Ha curato oltre cinquanta documentari, per il canale di Rai Educational Explora la Tv delle scienze. Collabora con svariate testate sia specializzate, sia generaliste. Recentemente ha riscoperto la propria passione per la motocicletta ed è divenatato felice possessore di una Moto Guzzi Le Mans III del 1983.


SOLAR ASSET MANAGEMENT
SIFET
NEXT ENERGY
SOLAR ASSET MANAGEMENT
BUILDING INNOVATION

ANICA
BTicino
tekneco è anche una rivista
la tua azienda su google maps

Più letti della settimana



Continua a seguire Tekneco anche su Facebook:

Altri articoli in Energia Alternativa
geotermia002
La geotermia può essere “buona”

Arriva la geotermia 2.0 con il miglioramento delle tecnologie che diventano più pulite, diffuse e sostenibili sotto al profilo ambientale e sociale

led
Led: grandi potenzialità

La diffusione dell'illuminazione a Led consente delle economie importanti sul fronte energetico e climatico

Close