Sistema energetico

Rinnovabili l’ora della svolta

A poche ore dall'arrivo di Trump alla Casa Bianca sulle rinnovabili arrivano notizie contraddittore

Scritto da il 11 gennaio 2017 alle 9:00 | 0 commenti

Rinnovabili l’ora della svolta

A pochi giorni dall’insediamento di Donald Trump arrivano notizie sulle rinnovabili in chiaro e scuro sulle rinnovabili. Gli Emirati Arabi Uniti, infatti, investiranno 164 miliardi di dollari nel settore delle energie pulite entro il 2050. «Il piano integrerá soluzioni energetiche rinnovabili, il nucleare e le fonti fossili pulite», ha scritto il  primo ministro degli Emirati Arabi Uniti Mohammed Bin Rashid Al Maktoum, su twitter. Il primo ministro, ha descritto come sarà il mix energetico nel Paese al 2050. 44% di energia pulita, 38% gas, 12% carbone e 6 %energia nucleare. «Il piano mira ad aumentare l’efficienza energetica del 40% e aumentare il contributo dell’energia pulita del 50%», ha proseguito il premier che ha anche . invitato tutti i Paesi del Golfo Persico a sviluppare una strategia unica per l’intera regione. Nel 2016, il governo ha annunciato un piano per raggiungere un obiettivo del 30 % di energia pulita entro il 2030, con l’obiettivo al 2021 del 24 % che è stato aggiornato al 27 % per soddisfare gli obiettivi sulle emissioni previsti dall’accordo sul clima di Parigi del 2015. Dubai ha fissato obiettivi ancora piú ambiziosi: il 75% di energia rinnovabile entro il 2050.

Nel frattempo l’Agenzia per l’Energia cinese ha annunciato che investirà 361 miliardi di dollari per la produzione di energia da fonti rinnovabili, entro il 2020, e la National Energy Administration cinese fa sapere che userà i fondi per costruire più eolico, idroelettrico, solare e per le infrastrutture nucleari nel corso dei prossimi cinque anni. Una politica che secondo i cinesi porterà alla creazione di 13 milioni di posti di lavoro. Questa della Cina è una decisione, osservano gli esperti del Mit Technology Review, che arriva mentre altri paesi sul tema delle rinnovabili segnano il passo. «Il futuro degli investimenti per l’energia pulita in alcune parti d’Occidente appare incerto», affermano gli esperti.

«Un nuovo rapporto riferisce che gli investimenti in rinnovabili in Gran Bretagna potrebbero ridursi del 95% nei prossimi tre anni a causa di una contrazione degli incentivi, tutto questo mentre, nonostante le politiche di Barack Obama, il presidente entrante degli Usa, Donald Trump, parla di un ritorno ai combustibili fossili. Un quadro che potrebbe vedere la Cina emergere come leader de facto delle politiche climatiche», concludono dal Mit.

Intanto Barak Obama avvisa Trump che la crescita delle energie pulite è irreversibile. «La marcia degli Stati Uniti verso un’economia basata sulle energie rinnovabili è irreversibile», dice Obama a dieci giorni di distanza dall’addio alla Casa Bianca con un articolo scientifico sulla rivista Science. Tra il 2008 e il2015 l’economia Usa è cresciuta di oltre il 10% mentre le emissioni di CO2 sono diminuite del 9,5%. «Un disaccoppiamento che dovrebbe mettere a tacere l’argomentazione secondo cui combattere il cambiamento climatico richiede di accettare una crescita inferiore o un piú basso tenore di vita», rimarca il quasi ex presidente statunitense.

«Nonostante l’incertezza politica che ci troviamo di fronte, resto convinto del fatto che nessun Paese sia piú adatto degli Stati Uniti ad affrontare la sfida climatica e a raccogliere i vantaggi economici di un futuro a basse emissioni di carbonio», prosegue Obama che conclude: «La scienza e l’economia forniscono una guida utile per ciò che il futuro potrebbe portare, in molti casi indipendentemente dalle scelte politiche a breve termine, quando si tratta  di combattere il cambiamento climatico e attuare la transizione verso un’economia basata sulle energie pulite».


Rispondi

Nome (richiesto)

Email (richiesta, non verrà pubblicata)

Sito web (opzionale)


Condividi


Tag


L'autore

Sergio Ferraris

Sergio Ferraris, nato a Vercelli nel 1960 è giornalista professionista e scrive di scienza, tecnologia, energia e ambiente. È direttore della rivista QualEnergia, del portale QualEnergia.it e rubrichista del mensile di Legambiente La Nuova Ecologia. Ha curato oltre cinquanta documentari, per il canale di Rai Educational Explora la Tv delle scienze. Collabora con svariate testate sia specializzate, sia generaliste. Recentemente ha riscoperto la propria passione per la motocicletta ed è divenatato felice possessore di una Moto Guzzi Le Mans III del 1983.


Il solare termico, corso online
Focus, la rivoluzione della domotica
Klimahouse 2017
RUBNER
AQUAFARM
BANCA ETICA
SIFET
BUILDING INNOVATION

ANICA
tekneco è anche una rivista
la tua azienda su google maps

Più letti della settimana



Continua a seguire Tekneco anche su Facebook:

Altri articoli in Energia Alternativa
convert ortanova
Rinnovabili: un altro sviluppo è possibile

Superare la crisi delle rinnovabili in Italia, sviluppando il mercato e garantendo equità verso i dipendenti. Questo è ciò che ha fatto Convert

pripyat-1374515_1920
Dall’atomo al fotone

Sorgerà nella zona d'esclusione di Chernobyl il più grande impianto fotovoltaico del mondo

Close