energia

Fondo italiano per l’efficienza energetica, cosa è e come funziona

Nasce il FIEE, l'obiettivo è generare rendimenti costanti per gli investitori e contribuire a sviluppare il mercato nel suo complesso

Scritto da il 02 marzo 2016 alle 10:00 | 0 commenti

Fondo italiano per l’efficienza energetica, cosa è e come funziona

Nasce il primo fondo di equity italiano interamente dedicato a progetti di investimento nel settore dell’efficienza energetica, si tratta del Fondo Italiano per l’Efficienza Energetica (Fiee) sotto la guida di Andrea Marano dirigente di Enel e Raffaele Mellone managing director di Merrill Lynch, in qualità rispettivamente, di amministratore delegato e presidente della SGR, l’azienda titolare del Fondo autorizzata lo scorso dicembre dalla Banca di Italia alla prestazione dell’attività di gestione collettiva del risparmio. Due manager che hanno maturato un’esperienza operativa pluriennale nel settore dell’efficienza energetica, inoltre nel progetto è inclusa anche la holding Lamse controllata da Andrea Agnelli e Fulvio Conti ex amministratore delegato di Enel nonché uno dei massimi esperti nel settore energia in Europa, con Maurizio Cereda vice direttore generale e consigliere di Mediobanca.

Dopo aver completato le procedure necessarie all’avvio delle attività, si è dato inizio al processo di raccolta dei capitali presso investitori qualificati: i partner hanno assunto un impegno finanziario nell’iniziativa pari a 5 milioni di euro. Fiee ha l’obiettivo di raccogliere 150 milioni di euro da investire sul mercato nazionale, rispetto ai quali è già stato raccolto l’impegno della Banca Europea degli Investimenti ad investire 25 milioni di euro. Il fondo avrà una durata massima di 12 anni, e si pone l’obiettivo di diventare un partner di lungo periodo delle società di servizi energetici, con le quali coinvestirà in progetti tecnicamente ed economicamente solidi. L’obiettivo dell’iniziativa è di ripagare gli investitori mediante la distribuzione di cedole periodiche, con un target di rendimento del 10-12%, utilizzando le risorse derivanti dal risparmio energetico conseguito per effetto degli interventi di efficientamento implementati.


Rispondi

Nome (richiesto)

Email (richiesta, non verrà pubblicata)

Sito web (opzionale)


Condividi


Tag


L'autore

Redazione Web


Il solare termico, corso online
Focus, la rivoluzione della domotica
Klimahouse 2017
BANCA ETICA
Illuminotronica 2016
SIFET
BUILDING INNOVATION

ANICA
tekneco è anche una rivista
la tua azienda su google maps

Più letti della settimana



Continua a seguire Tekneco anche su Facebook:

Altri articoli in Energia Alternativa
_DKA8068
Accumulo, i vantaggi per l’utente finale

L'accumulo da fotovoltaico ha vantaggi già da ora per gli utenti finali, se ne parlerà il 3 marzo al "Monetising Solar"

BTicino Professionisti_homepage
Il nuovo sito BTicino dedicato ai professionisti

professionisti.bticino.it, on line dal 1° Marzo il nuovo sito BTicino

Close