incentivi alle rinnovabili

Eolico, il Gse conferma il calo del peso degli incentivi

Già nel 2015 7 impianti eolici usciranno dal sistema di incentivazione e il fenomeno è destinato ad ampliarsi nel prossimo triennio

Scritto da il 25 marzo 2015 alle 9:00 | 0 commenti

Eolico, il Gse conferma il calo del peso degli incentivi

È da ormai da diversi anni che gli impianti da fonti rinnovabili vengono incentivati in Italia,  sulla base di diverse normative e regimi. Quello a cui spesso non si pensa è che queste incentivazioni non sono eterne, ma hanno una durata prestabilita (10-20 anni). Questo significa che – prima o poi – il sostegno statale per gli impianti da fonti pulite è destinato ad azzerarsi.  La conferma arriva anche dal Gse, che ha fatto il punto sull’eolico italiano, un comparto che ha subito un brusco rallentamento con l’introduzione del DM 6 luglio 2012 (il regime di incentivazione basato su aste e registri). Nella presentazione del Gse “Lo sviluppo dell’eolico in Italia: incentivi e risultati”, risulta che a partire dal maggio 2013 fino alla fine del 2014, la potenza incentivata è stata di soli circa 300 MW.

Dal contatore di gennaio 2015, si apprende che l’eolico incide per circa 1,52 miliardi di euro sul totale destinato alle rinnovabili non fotovoltaiche (5,77 miliardi di euro annui). Gran parte del costo indicativo dell’eolico ricade sui Certificati Verdi, con un valore di 1,38 miliardi di euro, valore quest’ultimo destinato a decrescere significativamente nei prossimi anni, e già a partire dal 2015, per effetto del termine del periodo di incentivazione (CV in uscita). Si prevede infatti, per il 2015, l’uscita di 7 impianti per una potenza totale di 87 MW, per il periodo 2016 – 2020 l’uscita di 145 impianti per un totale di 1.934 MW e per il periodo 2023 – 2028 un totale di 448 impianti pari a 5.975 MW, ovvero la maggior parte degli impianti. Dunque per il periodo 2015 – 2018, per effetto dell’uscita dei CV ci sarà anche una riduzione progressiva dell’onere di incentivazione: circa 15 milioni di euro in meno nel 2015, 50 milioni di euro sia nel 2016 che nel 2017 e 90 milioni di euro nel 2018, determinando la discesa dell’onere complessivo a circa 1,29 miliardi a dicembre 2018.

I dati diffusi dal Gse sono stati salutati con soddisfazione da Anev, la principale associazione di settore: “ La diminuzione del costo dell’incentivo all’eolico previsto per i prossimi anni, offre un ulteriore stimolo e margine per le aziende che vogliono investire nel settore, volendo peraltro puntare al raggiungimento dell’obiettivo che si è posto il Governo, all’interno del PAN, di realizzare 12.680 MW al 2020. Si auspica quindi che il Ministero dello Sviluppo Economico, in procinto di emanare un nuovo decreto per la definizione dei contingenti di potenza, tenga conto di questi dati e fornisca la possibilità al settore eolico di riprendere la sua crescita e portare al Paese benefici quali crescita economica, occupazione e tutela dell’ambiente”.


Rispondi

Nome (richiesto)

Email (richiesta, non verrà pubblicata)

Sito web (opzionale)


Condividi


Tag


L'autore

Gianluigi Torchiani

Giornalista classe 1981, cagliaritano doc ormai trapiantato a Milano dal 2006. Da diversi anni si interessa del mondo dell’energia e dell'ambiente, con un particolare focus sulle fonti rinnovabili


Il solare termico, corso online
Focus, la rivoluzione della domotica
Klimahouse 2017
RUBNER
AQUAFARM
BANCA ETICA
SIFET
BUILDING INNOVATION

ANICA
tekneco è anche una rivista
la tua azienda su google maps

Più letti della settimana



Continua a seguire Tekneco anche su Facebook:

Altri articoli in Energia Alternativa
energie marina
Enel-Enea, un’allenza pro rinnovabili

Un filone di ricerca specifico della collaborazione riguarderà l’ottimizzazione di soluzioni per produrre energia elettrica sfruttando il moto ondoso del mare

solarexpo-greenbulding-2011_02
Il mercato residenziale è il cuore del solare italiano

Secondo Anie Rinnovabili nel 2014 sono stati installati 385 MW di impianti. In buona parte di piccola taglia

Close