Cambiamenti climatici

El Niño. Picco, previsto dalla Nasa, nel 2016

Arriva El Niño con l'intensità del 1997 se non superiore. E le prime anomalie climatiche si sono già viste in tutto il mondo

Scritto da il 03 gennaio 2016 alle 19:04 | 0 commenti

El Niño. Picco, previsto dalla Nasa, nel 2016

Arriva ,nuovamente, El Niño. E potrebbe avere effetti uguali se non peggiori di quelli del 1997-1998, quando si registrò il più forte evento di sempre, con conseguenze gravi in tutto il Pianeta.

L’allarme arriva dalla Nasa secondo la quale, in base alle ultime immagini satellitari, la corrente “non mostra segni di cedimento, ed esiste una somiglianza con El Niño del dicembre 1997. El Niño è il nome con il quale si indica un anomalo riscaldamento della temperatura dell’acqua dell’Oceano Pacifico, che ha effetti notevoli sul clima. Il fenomeno è ciclico e si verifica nei mesi di dicembre e gennaio in media ogni cinque anni, ma con un periodo statisticamente variabile fra i tre e i sette anni.

Nel2015 hacondizionato il clima a livello mondiale causando una serie di eventi meteorologici estremi come inondazioni o condizioni di caldo insolito nell’emisfero settentrionale. El Niño è collegato alle inondazioni in Paraguay, Argentina, Uruguay e Brasile, le peggiori da 50 anni. Negli Stati Uniti, tredici persone sono morte nello stato americano del Missouri a causa di fiumi in piena dopo che tornado e tempeste hanno colpito la regione e un tratto di otto cholometri del fiume Mississippi vicino a St. Louis è stato chiuso alla navigazione.

Nel 2016 El Niño aumenterà i rischi di carestie ed epidemie, specialmente in paesi segnati dalla guerra civile come Siria, Sud Sudan e Yemen e la scarsità di cibo raggiungerà un picco in Sud Africa nel mese di febbraio. El Nino è citato, inoltre, come fattore della violenza della tempesta Frank che ha colpito le parti settentrionali della Gran Bretagna.

Temperature più elevate rispetto alla media stagionale sono state registrate in Europa e negli Stati Uniti. Il giorno di Natale in Francia la colonnina di mercurio ha toccato il secondo livello più alto mai registrato, mentre il caldo ha costretto gli agricoltori a raccogliere prematuramente ortaggi come insalata, fragole e asparagi. In Messico El Niño ha portato temperature polari nel nord del Paese, con la neve che è caduta anche nel deserto di Sonora per la prima volta in 33 anni.


Rispondi

Nome (richiesto)

Email (richiesta, non verrà pubblicata)

Sito web (opzionale)


Condividi


Tag


L'autore

Sergio Ferraris

Sergio Ferraris, nato a Vercelli nel 1960 è giornalista professionista e scrive di scienza, tecnologia, energia e ambiente. È direttore della rivista QualEnergia, del portale QualEnergia.it e rubrichista del mensile di Legambiente La Nuova Ecologia. Ha curato oltre cinquanta documentari, per il canale di Rai Educational Explora la Tv delle scienze. Collabora con svariate testate sia specializzate, sia generaliste. Recentemente ha riscoperto la propria passione per la motocicletta ed è divenatato felice possessore di una Moto Guzzi Le Mans III del 1983.


Il solare termico, corso online
Focus, la rivoluzione della domotica
Klimahouse 2017
BANCA ETICA
Illuminotronica 2016
SIFET
BUILDING INNOVATION

ANICA
tekneco è anche una rivista
la tua azienda su google maps

Più letti della settimana



Continua a seguire Tekneco anche su Facebook:

Altri articoli in Energia Alternativa
inceneritori
Inceneritori: priorità di Governo

Si torna a incentivare l'incenerimento dei rifiuti. Ecco la risposta del Governo all'economia circolare e a Cop 21

efficienza energetica
10 consigli alle aziende per risparmiare energia

Sono quelli forniti dal progetto Steeep, che vuole offrire alle piccole e medie imprese informazioni e strumenti in termini di efficienza energetica

Close