azienda premium

Riqualificare la centrale termica condominiale a rate

Da Hoval una nuova formula di finanziamento a tasso zero per sostituire il vecchio impianto con una caldaia di nuova generazione

Pubblicato da Tekneco Aziende il 24 giugno 2016 alle 10:00

Il patrimonio edilizio esistente in Italia è per lo più datato e questo si riflette inevitabilmente su una scadente qualità dell’abitare: gli edifici non adeguatamente coibentati e dotati di impianti vetusti ed energivori consumano più del dovuto, non rispondono alle più recenti normative in materia di efficienza energetica, generano costi e producono un surplus di emissioni di CO2.

Riqualificare un edificio partendo dalla sostituzione della centrale termica è una soluzione concreta e funzionale al fine di ottenere numerosi vantaggi tangibili. I costi di un eventuale intervento di riqualificazione sono purtroppo spesso il primo ostacolo da affrontare: del resto, soprattutto in periodi di crisi, chi accetta volentieri di investire in un bene comune (per esempio la caldaia condominiale), quando avrebbe magari altre priorità sul piano privato?

Si investe senza spendere. E il ritorno economico è immediato

Hoval ha studiato una formula che consente ai condòmini di dotarsi di una caldaia di nuova generazione senza dover stanziare a priori l’intera somma per l’acquisto. Con Hoval FinCon è infatti possibile dilazionare la spesa in cinque anni, affrontando solo un canone mensile a interessi zero. Immediato è invece il ritorno economico, in quanto si può usufruire fin da subito dell’attuale detrazione fiscale del 65%, si ricevono bollette più “leggere” e i costi vengono quindi ammortizzati in itinere, grazie ad una sensibile riduzione dei consumi.

Un consulente energetico per valutare opportunità e margini di risparmio

Ogni condominio presenta naturalmente situazioni diverse che vanno valutate singolarmente. Hoval offre tutta la sua competenza, il supporto e la consulenza necessaria per effettuare un’analisi preliminare e una stima del risparmio che si potrebbe ottenere sostituendo l’attuale impianto in uso nel condominio con una caldaia di ultima generazione ad alta efficienza energetica, come Hoval UltraGas®, disponibile sia nella versione scomposta da assemblare in loco, sia già preassemblata come centrale termica autonoma. Per ottimizzare i consumi, la caldaia è dotata dell’innovativo sistema di regolazione Hoval Top Tronic® E, grazie al quale rimane sempre connessa ad Internet e può essere gestita in remoto attraverso smartphone o tablet.

La formula Hoval FinCon prevede finanziamenti fino a 200.000 euro e su specifica richiesta anche per valori superiori, con la possibilità di coprire eventualmente anche i costi relativi ad interventi di riqualificazione dell”involucro.

Per ulteriori informazioni su Hoval FinCon:

http://www.hoval.it/vuoi-finanziare-a-rate-la-sostituzione-della-centrale-termica-condominiale

Riportiamo qui sotto alcune simulazioni di sostituzione di caldaie condominiali in quattro diverse città. Ovunque sono evidenti sia il risparmio economico, sia la riduzione di emissioni, a fronte di rate mensili decisamente contenute.

Nel caso del condominio di Milano, di cui riportiamo qui sotto i dati a titolo di esempio, siamo in presenza di un vecchio edificio di 28 m, mal coibentato, con una quarantina di appartamenti e un consumo pregresso di 60.000 mc di metano all’anno. L’intervento di riqualificazione della centrale termica consentirebbe, con un investimento di 107.400 euro, di ottenere un risparmio annuo del 36% e una riduzione di emissioni di CO2 di 41 ton all’anno. A fronte di questi vantaggi, il condominio dovrebbe affrontare rate mensili di soli 45 Euro, con un guadagno di 23 euro.

 



Continua a seguire Tekneco anche su Facebook:

Altri articoli in Notizie dalla redazione
abbazia s.eustachio
Tecniche geomatiche per il recupero dell’Abbazia di Sant’Eustachio

Lo studio presentato al convegno Sifet è stato effettuato dall'Università degli Studi di Udine

velo-silvia_1_10_0_0
Riforma delle agenzie ambientali: ecco le novità

Dopo la legge sugli ecoreati, arriva la legge di riforma delle agenzie ambientali

Close