bioedilizia

La canapa si fa spazio in Italia

Aumenta la produzione agricola della canapa, come pure le iniziative a sostegno di una materia prima che ha svariati utilizzi green in edilizia

Scritto da il 31 marzo 2016 alle 8:00 | 0 commenti

La canapa si fa spazio in Italia

Photo: Wikimedia


La canapa torna a crescere in Italia. Certo, si tratta di un ritorno “timido” rispetto ai fasti del passato quando l’Italia era la seconda produttrice al mondo, dietro alla Russia, ma prima per qualità, con una superficie vocata nella prima metà del XX secolo di circa 90 mila ettari. Se pensiamo che oggi il principale produttore è la Cina con circa 60 mila ettari si comprende l’importanza del dato italiano.

Un aumento progressivo

Oggi, però, la ripresa nel nostro Paese c’è, come certifica Assocanapa, coordinamento nazionale per la canapicoltura in Italia: «Le superfici coltivate sono arrivate a 400 ettari nel 2013, hanno sfiorato i 1000 ettari nel 2014, e sono arrivati a circa 2500 nel 2015».
Lo sviluppo comincia quindi a diventare significativo: secondo i dati del Senato, dei circa 20.000 ettari coltivati a canapa in Europa, la Francia, con più di 11.000 ettari (oltre la metà delle superfici europee), è il leader europeo nella produzione di canapa industriale davanti a Germania (circa 2500 ettari) e Regno Unito (circa 1.500 ettari).

I pregi della canapa per l’edilizia ecosostenibile

Sostenibilità ambientale ed economica, duttilità di utilizzo, caratteristiche eccellenti in diversi ambiti: la canapa è un’ottima materia prima sotto molti punti di vista.
Lo sanno bene gli esperti di bioedilizia che da anni la utilizzano nel settore per le sue caratteristiche: la fibra viene impiegata per la produzione di pannelli isolanti e fonoassorbenti; il canapulo viene miscelato con la calce o l’argilla, oppure usato in combinazione con la fibra offre la base per realizzare materiali da costruzione (avendo come pregio di essere più leggeri del calcestruzzo); sempre con la calce trova impiego nei pannelli per costruzioni o per scopi isolanti, sia sotto forma di intonaci o di cappotti.
Le sue doti si apprezzano anche per la realizzazione di abitazioni antisismiche: se qualcuno volesse approfondire segnaliamo il “Tour della Canapa” organizzato da Anab (Associazione nazionale architettura bioecologica) sabato 2 aprile proprio nel cratere del sisma che colpì l’Emilia nel 2012 (è ancora possibile iscriversi entro oggi inviando un’email all’indirizzo emiliaromagna@anab.it). Si tratta di una visita a quattro edifici e cantieri di ricostruzione in cui sono stati utilizzati canapa, calce, legno e argilla.
Quattro materiali ottimi per caratteristiche, come evidenzia la stessa Anab: «L’utilizzo del legno per costruire e ristrutturare riprende un materiale che da sempre veniva utilizzato insieme al mattone cotto e crudo; l’argilla e la calce possono essere utilizzate insieme alla canapa per il miglioramento termico degli edifici. La calce, che anche qui come in buona parte del territorio nazionale, era la malta per eccellenza, offre quelle prestazioni di traspirabilità necessarie in queste zone con alti tassi di umidità».

Segnali di ripresa e d’interesse

Ci sono poi diversi segnali che testimoniano un rinnovato interesse verso la canapa: giusto un paio di settimane fa a Monsano (Ancona) è stato dato il via ufficiale a Il Borgo della Canapa, un progetto di filiera che s’innesta in un più ampio progetto di promozione, della coltivazione e trasformazione della canapa nel territorio regionale. L’associazione marchigiana oltre a promuovere lo sviluppo della canapicoltura nella regione, è attiva anche alla realizzazione di una mappatura completa di tutte le attività legate alla canapa, in Italia, visibile online grazie al sito web Growmaps.it.
Altro segnale è la nascita recente di Federcanapa, federazione della canapa italiana, nata per stimolare il tema e far sì che possano svilupparsi filiere di produzione industriale. Uno dei punti su cui lavorerà la neonata federazione, secondo quanto affermato dal suo presidente Beppe Croce, sarà il disegno di legge sulla canapa, fermo attualmente in Senato, in modo da assicurare adeguate tutele legali a chi opera nel settore.


Rispondi

Nome (richiesto)

Email (richiesta, non verrà pubblicata)

Sito web (opzionale)


Condividi


Tag


L'autore

Andrea Ballocchi

Andrea Ballocchi, giornalista e redattore free lance. Collabora con diversi siti dedicati a energie rinnovabili e tradizionali e all'ambiente. Lavora inoltre come copywriter e si occupa di redazione nel settore librario. Vive in provincia di Milano.


Il solare termico, corso online
Focus, la rivoluzione della domotica
Klimahouse 2017
RUBNER
AQUAFARM
BANCA ETICA
SIFET
BUILDING INNOVATION

ANICA
tekneco è anche una rivista
la tua azienda su google maps

Più letti della settimana



Continua a seguire Tekneco anche su Facebook:

Altri articoli in Edilizia Bio
green
L’in-sostenibile leggerezza dell’essere (umano)

Il celebre romanzo di Milan Kundera per parlare dell' indifferenza diffusa in tema di sostenibilità ambientale

edilizia sostenibile
L’edilizia sostenibile cresce in laboratorio

Al via ZebLab, laboratorio universitario per costruire case ad alta efficienza energetica, ed E-Lab, proposta di architetti e ambientalisti per la riqualificazione

Close