supertoys

Modellismo ecosostenibile grazie alle bioplastiche

Con il progetto Supertoys verranno prodotti modelli a prova di ambiente grazie alla bioplastica Minerv a base di poliidrossialcanoati

Scritto da il 24 marzo 2016 alle 11:00 | 0 commenti

Modellismo ecosostenibile grazie alle bioplastiche

Il modellismo è un settore che interessa adulti e bambini, l’idea di mettere questa passione al passo con i tempi rendendola anche “eco-sostenibile” viene dalla società bolognese Bio-on e Italeri marchio molto conosciuto del modellismo italiano. Grazie a questa intesa la fabbricazione dei modelli in scala verrà realizzata per la prima volta con il grado speciale Minerv PHA Supertoys a base di poliidrossialcanoati (PHA), il nuovo tipo di bio plastica sviluppata dai laboratori Bio-on per i giocattoli del futuro (Supertoys).

Supertoys è un progetto che  va oltre le disposizioni della recente Direttiva Europea 2009/48/CE, comunemente denominata TDS (Toy Safety Directive), l’obiettivo è quello di dimostrare che è possibile realizzare formulazioni specifiche, ecosostenibili e completamente biodegradabili, per realizzare giocattoli che rispettano i bambini e l’ambiente senza rinunciare a funzionalità ed estetica del prodotto finale. Il progetto di ricerca e sviluppo Minerv PHA Supertoys avviato nel dicembre 2015 è dedicato a tutte le aziende del mondo impegnate nella progettazione di giocattoli e punta, entro la fine del 2017, a realizzare due tipi di bio plastiche: Minerv PHA Supertoys type “R” rigida e resistente e Minerv PHA Supertoys type “F” duttile e flessibile.

È una sfida affascinante – affermano Gian Pietro Parmeggiani e Giuliano Malservisi, fondatori di Italeripoter creare nuovi modelli con un materiale ecosostenibile di origine completamente naturale che ci proietta verso il futuro. Il grande interesse che sta vivendo il nostro settore, dai bambini agli appassionati più adulti, ha un nuovo traguardo per il ‘domani’ dato dall’ecosostenibilità. Non soltanto in famiglia ma anche in tutte le scuole del mondo c’è la forte esigenza di un ritorno alla manualità ormai persa a causa dell’uso smodato dei computer. Poterlo fare con prodotti completamente naturali ci porrà all’avanguardia nei prossimi decenni”.

Le bio plastiche di Bio-on sono ottenute da fonti vegetali rinnovabili di scarto, senza alcuna competizione con le filiere alimentari, e sono al 100% biodegradabili in natura.

Abbiamo scelto i prodotti Italeri – spiega Marco Astorri, Presidente di Bio-on S.p.A. - perché molto complessi da produrre. La tolleranza è minima e riuscire a garantire un livello qualitativo così elevato ci permetterà sviluppi futuri in ogni altro articolo del settore”.

 


Rispondi

Nome (richiesto)

Email (richiesta, non verrà pubblicata)

Sito web (opzionale)


Condividi


Tag


L'autore

Redazione Web


BUILDING INNOVATION
SIFET
BANCA DEL FARE

ANICA
Hoval
BTicino
tekneco è anche una rivista
la tua azienda su google maps

Più letti della settimana



Continua a seguire Tekneco anche su Facebook:

Altri articoli in Ecologia
ecoreati
Ecoreati, è tempo di bilanci

"Ecogiustizia è fatta" è il titolo del dossier di Legambiente sui primi 8 mesi di applicazione della legge contro gli ecoreati

trivelle02
Referendum trivelle: clima e politiche energetiche assenti

Le politiche energetiche e il clima sembrano essere i grandi assenti dal dibattito sulla consultazione del 17 aprile

Close