INQUINAMENTO

Italia, inquinamento alle stelle. La Toscana risponde piantando alberi

La sfida "green" della Toscana contro l'inquinamento: tra Firenze e Prato verranno piantati 250.000 alberi che assorbiranno 12.500 ton CO2 l’anno

Scritto da il 29 dicembre 2015 alle 5:37 | 0 commenti

Italia, inquinamento alle stelle. La Toscana risponde piantando alberi

Smog a livelli record. La Toscana sceglie di adottare soluzioni strutturali e di puntare con forza sul verde, piantando alberi per aumentare la capacità di assorbimento di CO2 nella Regione.

I cambiamenti climatici sono oramai sulla bocca di tutti. “Scoperti” a causa di nubifragi e di estati torride mai visti prima nella penisola, ora si manifestano in una nuova veste: un lungo periodo di siccità invernale. Senza la pioggia, l’aria “non si lava” ed emerge chiaramente come in Italia non siano più rimandabili politiche di lotta all’inquinamento, in particolar modo nelle aree urbane e nella pianura padana, da bollino rosso in questi giorni per le elevate concentrazioni di polveri sottili che rendono l’aria irrespirabile. Blocchi della circolazione e targhe alterne – misure intraprese da sindaci e commissari, sull’onda dell’emergenza – paiono scontentare tutti: negozianti, cittadini ed esperti che le ritengono inadeguate rispetto all’obiettivo di far scendere in maniera permanente le concentrazioni sotto il livello di allerta. “Per l’adeguamento e la lotta ai cambiamenti climatici occorrono interventi strutturali, politiche in grado di modificare e razionalizzare il modello di sviluppo e le abitudini di consumo. È necessario introdurre una cura del ferro nella mobilità urbana. Ridurre il traffico veicolare e i consumi domestici. Nelle abitazioni la temperatura non deve superare i 18 gradi. Fuochi nei camini e all’aperto vanno ridotti e vietati”. Parole forti che assumono, a tutti gli effetti, il valore di un documento programmatico di azione se a proferirle è il Governatore della Toscana, Enrico Rossi dalla sua pagina ufficiale su Facebook. La Toscana negli ultimi anni ha investito molto nella tutela e nella valorizzazione del suolo. Si è dotata di un Piano Ambientale ed Energetico, ha reso inedificabili (con legge regionale 66/2011) le aree a rischio idraulico elevato e ha adottato una normativa per fermare il consumo di suolo agricolo (lr. 65/2014). “Terreni fertili e ricchi di sostanza organica sono la nostra migliore assicurazione” ha commentato Rossi a riguardo spiegando il valore di tale investimento dal punto di vista della mitigazione dei cambiamenti climatici.

Il suolo - ha sottolineato - sequestra il doppio del carbonio presente in atmosfera. Il triplo di quello catturato dalla vegetazione. Per questo abbiamo dedicato il 50% dei fondi del Piano di Sviluppo Rurale (2014-2020) alla lotta ai cambiamenti climatici (il 20% è la quota richiesta dall’UE). Un terzo di queste risorse sono destinate alla cura dei boschi. Alla manutenzione delle foreste danneggiate da eventi catastrofici”.

Oltre a prevedere per le aree urbane della Regione soggette a maggiore inquinamento atmosferico l’adozione di uno specifico piano contenente azioni di riduzione delle emissioni inquinanti e climalteranti, la Toscana ha deciso di intervenire anche con nuove piantumazioni nell’area metropolitana fra Firenze e Prato. Per ora verranno piantati 250.000 alberi su 150 ettari di suolo, con cui si potranno assorbire più di 12.500 tonnellate di Co2 in un anno. L’obiettivo è arrivare ad incrementare le piantumazioni per arrivare a 600 ettari di terreno. “Sarà uno dei parchi più grandi d’Europa”.

Già oggi la Toscana è la regione italiana più “boscata”: 1.086.000 ettari di boschi (il 47% del territorio regionale). Grazie al suo polmone verde assorbe quasi un terzo (10 Milioni di tonnellate di CO2) delle emissioni di gas serra che produce (33 Milioni di tonnellate di CO2).

Se da un lato, quindi, risulta fondamentale ridurre in maniera strutturale le emissioni di un territorio, dall’altro bisogna comprendere che queste non potranno essere annullate. Piani di assorbimento legati alla piantumazione degli alberi potrebbero (e dovrebbero) quindi essere un’ottima cura anche oltre i confini toscani.


Rispondi

Nome (richiesto)

Email (richiesta, non verrà pubblicata)

Sito web (opzionale)


Condividi


Tag


L'autore

Letizia Palmisano

Giornalista dal 2009, esperta di tematiche ambientali e “green” e social media manager. Collabora con alcune delle principali testate eco e scrive sul suo blog letiziapalmisano.it. È consulente sulla comunicazione 2.0 di aziende ed eventi green e docente di social media marketing. In 3 aggettivi: ecologista, netizen e locavora (quando si può).


Il solare termico, corso online
Focus, la rivoluzione della domotica
Klimahouse 2017
RUBNER
AQUAFARM
BANCA ETICA
SIFET
BUILDING INNOVATION

ANICA
tekneco è anche una rivista
la tua azienda su google maps

Più letti della settimana



Continua a seguire Tekneco anche su Facebook:

Altri articoli in Ecologia
efficienza energetica
10 consigli alle aziende per risparmiare energia

Sono quelli forniti dal progetto Steeep, che vuole offrire alle piccole e medie imprese informazioni e strumenti in termini di efficienza energetica

Eiffel Tower Human Aerial Art
2015 di Greenpeace, un anno di azioni in difesa del pianeta. La fotogallery

Greenpeace racconta il suo 2015 con le immagini più significative dell’anno che si sta per concludere

Close