Legambiente

I negozi a Roma si fanno ricicloni. Ecco come

Dalla riduzione al recupero, dalla scelta dei materiali alla corretta differenziata, ecco le buone pratiche che Legambiente Lazio porta nei negozi romani

Scritto da il 11 gennaio 2016 alle 8:00 | 0 commenti

I negozi a Roma si fanno ricicloni. Ecco come

Parte a Roma “Negozi Ricicloni” campagna organizzata da Legambiente Lazio che, al via nei primi cinque municipi, si estenderà poi in tutta la città.

Vi è mai capitato di entrare in un negozio o in un locale e avere casualmente in mano qualcosa da buttare? A me sì, proprio ieri. Dopo aver consumato una bibita in lattina al bar presente all’interno di un cinema e non trovando il secchio della raccolta differenziata ho chiesto al barista: “differenziate l’alluminio?”. Poiché il cinema si trova in una zona della Capitale ove è attivo il sistema di raccolta differenziato “porta a porta” ero convinta di ricevere una risposta affermativa e invece la lattina è finita purtroppo tra residui di popcorn e fazzoletti sporchi. Questo piccolo episodio può spiegare perché – sebbene tanti passi in avanti siano stati fatti – a Roma i risultati della differenziata possono ampiamente migliorare con opere di sensibilizzazione sulle buone pratiche. In questi giorni a prendersi questo compito è Legambiente Lazio che ha lanciato in cinque vie dello shopping capitolino “Negozi ricicloni”, la campagna rivolta a tutti gli esercenti per migliorare la raccolta differenziata. Il progetto, partito nei municipi I, II, IV, V e VII, in collaborazione con le amministrazioni locali ed AMA, si estenderà man mano anche negli altri territori di Roma. La circostanza che il “via” a questa iniziativa sia stato dato nei primi giorni dei saldi non è stato casuale essendo uno dei periodi con più intensa attività (e produzione dei rifiuti) per gli esercizi commerciali.

Con la campagna che, affrontiamo il tema dei rifiuti prodotti dalle attività commerciali, puntando alla riduzione dagli imballaggi e a migliorare la qualità della raccolta – ha dichiarato Roberto Scacchi Presidente di Legambiente Lazio – lo facciamo proprio in un periodo di grande attività dei negozi come quello dei saldi, perché a Roma nelle prossime settimane si riduca l’impatto e la quantità complessiva dei rifiuti stessi“.

“Negozi ricicloni” rientra in un progetto di intervento più ampio che intende proporre azioni mirate per la salvaguardia dell’ambiente e del decoro urbano di Roma Capitale, avrà durata triennale e, nato come progetto pilota, potrebbe essere ben presto esportato in altre città italiane.

Come si svolge in concreto la campagna? Nelle date previste dal calendario di “Negozi Ricicloni” i volontari percorreranno le vie designate, entrando nei negozi per aiutare titolari e dipendenti a scoprire le buone pratiche – dalla riduzione al recupero, dalla scelta dei materiali al riciclo – che ogni singolo negozio può adottare. Potranno inoltre essere raccolte segnalazioni e suggerimenti dagli esercenti per migliorare il servizio della raccolta differenziata a Roma. Questa azione capillare permetterà inoltre all’associazione ambientalista di raccogliere sul campo dati e informazioni, da incrociare con quelli dell’AMA al fine di avere un quadro aggiornato e puntuale sul rapporto tra rifiuti e negozianti. L’iniziativa non si limita a questo: gli esercizi più virtuosi verranno premiati come “negozi ricicloni”, mutuando il premio dei “comuni ricicloni”.

Per conoscere i prossimi appuntamenti e partecipare con i volontari di Legambiente è possibile consultare il sito NegoziRicicloni.it

 


Rispondi

Nome (richiesto)

Email (richiesta, non verrà pubblicata)

Sito web (opzionale)


Condividi


Tag


L'autore

Letizia Palmisano

Giornalista dal 2009, esperta di tematiche ambientali e “green” e social media manager. Collabora con alcune delle principali testate eco e scrive sul suo blog letiziapalmisano.it. È consulente sulla comunicazione 2.0 di aziende ed eventi green e docente di social media marketing. In 3 aggettivi: ecologista, netizen e locavora (quando si può).

BANCA DEL FARE
ANICA
ArtiPuglia
Hoval
BTicino
tekneco è anche una rivista
la tua azienda su google maps

Più letti della settimana



Continua a seguire Tekneco anche su Facebook:

Altri articoli in Ecologia
ocean cleanup
Un Oceano di rifiuti da ripulire. Ecco come

Nel 2016 verranno calate le prime reti in mare aperto del progetto Ocean Cleanup. Obiettivo: catturare la plastica degli oceani prima che diventi cibo (spesso letale) per pesci ed uccelli

difesa del suolo
Edilizia e difesa del suolo, le ultime novità 2015

Il Collegato ambientale e le varie misure in materia di edilizia e di prevenzione del dissesto idrogeologico, per cui sono pronti 100 milioni di euro

Close