marchi ambientali

Eco-certificazioni per far crescere il fatturato delle aziende

L'esito del rapporto "Certificare per competere" segnala l'aumento del fatturato delle aziende che adottano i marchi ambientali

Scritto da il 29 febbraio 2016 alle 9:30 | 1 commento

Eco-certificazioni per far crescere il fatturato delle aziende

Le certificazioni ambientali sono un elemento determinante nel cammino delle aziende e non una mera pratica burocratica. Ne è convinto Ermete Realacci presidente di Symbola che commenta così l’esito del rapporto “Certificare per competere” messo a punto dalla Fondazione da lui presieduta e Cloros con l’obiettivo di aiutare consumatori e imprese ad orientarsi nell’universo delle eco-certificazioni e dei marchi ambientali. Dal confronto delle performance delle aziende certificate con quelle non certificate emerge che, nonostante la crisi, tra il 2009 e il 2013, le eco-imprese hanno aumentato “i loro fatturati del 3,5% circa mentre quelle non certificate del 2%, e la bilancia delle esportazioni segna un +29%. “. Le certificazioni e i marchi ambientali sono oltre 450 al mondo, e crescono al ritmo di 12 new entry all’anno, l’analisi del report prende in considerazione i quattro settori tradizionali del made in Italy: automazione, abbigliamento, arredo-casa, alimentari. Un aumento percentuale è stato riscontrato anche nell’occupazione, le aziende certificate hanno visto crescere gli addetti del 4%, le altre dello 0,2%.

Nel documento finale del report è stata messa in evidenza “la solida correlazione tra queste certificazioni e competitività delle aziende”, dal momento che “aiutano” in qualità, innovazione, fatturato, occupazione ed esportazioni, su quest’ultimo versante infatti i prodotti delle imprese ‘verdi’ vendono l’86% dei loro prodotti all’estero, mentre le non certificate solo il 57%”.

“Una certificazione ambientale porta con sé vantaggi nei bilanci, più qualità, migliori rapporti con i consumatori, il territorio, la società e la pubblica amministrazione” ha sottolineato Realacci, mentre Riccardo Caliari, amministratore delegato di Cloros ha dichiarato “dobbiamo lavorare su due fronti: da un lato fare informazione verso il consumatore finale sui marchi ambientali e dall’altro fare capire alle aziende che hanno la grande possibilità di creare un vantaggio competitivo”.

 

 


Commenti

È stato inserito 1 commento.

Rispondi

Nome (richiesto)

Email (richiesta, non verrà pubblicata)

Sito web (opzionale)


Condividi


Tag


L'autore

Redazione Web


BUILDING INNOVATION
SIFET
BANCA DEL FARE

ANICA
Hoval
BTicino
tekneco è anche una rivista
la tua azienda su google maps

Più letti della settimana



Continua a seguire Tekneco anche su Facebook:

Altri articoli in Ecologia
treno-verde
Inizia il viaggio ambientalista del Treno verde di Legambiente

11 tappe da Novara a Cosenza, quest’anno il convoglio di Legambiente si occuperà di inquinamento atmosferico e acustico

portarifiuti
Il riciclo del vetro va a braccetto con la circular economy

Presentato il Rapporto "Il riciclo del vetro e i nuovi obiettivi europei per la circular economy", il riciclo degli imballaggi al 70,3%

Close