marchi ambientali

Eco-certificazioni per far crescere il fatturato delle aziende

L'esito del rapporto "Certificare per competere" segnala l'aumento del fatturato delle aziende che adottano i marchi ambientali

Scritto da il 29 febbraio 2016 alle 9:30 | 1 commento

Eco-certificazioni per far crescere il fatturato delle aziende

Le certificazioni ambientali sono un elemento determinante nel cammino delle aziende e non una mera pratica burocratica. Ne è convinto Ermete Realacci presidente di Symbola che commenta così l’esito del rapporto “Certificare per competere” messo a punto dalla Fondazione da lui presieduta e Cloros con l’obiettivo di aiutare consumatori e imprese ad orientarsi nell’universo delle eco-certificazioni e dei marchi ambientali. Dal confronto delle performance delle aziende certificate con quelle non certificate emerge che, nonostante la crisi, tra il 2009 e il 2013, le eco-imprese hanno aumentato “i loro fatturati del 3,5% circa mentre quelle non certificate del 2%, e la bilancia delle esportazioni segna un +29%. “. Le certificazioni e i marchi ambientali sono oltre 450 al mondo, e crescono al ritmo di 12 new entry all’anno, l’analisi del report prende in considerazione i quattro settori tradizionali del made in Italy: automazione, abbigliamento, arredo-casa, alimentari. Un aumento percentuale è stato riscontrato anche nell’occupazione, le aziende certificate hanno visto crescere gli addetti del 4%, le altre dello 0,2%.

Nel documento finale del report è stata messa in evidenza “la solida correlazione tra queste certificazioni e competitività delle aziende”, dal momento che “aiutano” in qualità, innovazione, fatturato, occupazione ed esportazioni, su quest’ultimo versante infatti i prodotti delle imprese ‘verdi’ vendono l’86% dei loro prodotti all’estero, mentre le non certificate solo il 57%”.

“Una certificazione ambientale porta con sé vantaggi nei bilanci, più qualità, migliori rapporti con i consumatori, il territorio, la società e la pubblica amministrazione” ha sottolineato Realacci, mentre Riccardo Caliari, amministratore delegato di Cloros ha dichiarato “dobbiamo lavorare su due fronti: da un lato fare informazione verso il consumatore finale sui marchi ambientali e dall’altro fare capire alle aziende che hanno la grande possibilità di creare un vantaggio competitivo”.

 

 


Commenti

È stato inserito 1 commento.

Rispondi

Nome (richiesto)

Email (richiesta, non verrà pubblicata)

Sito web (opzionale)


Condividi


Tag


L'autore

Redazione Web


Il solare termico, corso online
Focus, la rivoluzione della domotica
Klimahouse 2017
BANCA ETICA
Illuminotronica 2016
SIFET
BUILDING INNOVATION

ANICA
tekneco è anche una rivista
la tua azienda su google maps

Più letti della settimana



Continua a seguire Tekneco anche su Facebook:

Altri articoli in Ecologia
treno-verde
Inizia il viaggio ambientalista del Treno verde di Legambiente

11 tappe da Novara a Cosenza, quest’anno il convoglio di Legambiente si occuperà di inquinamento atmosferico e acustico

portarifiuti
Il riciclo del vetro va a braccetto con la circular economy

Presentato il Rapporto "Il riciclo del vetro e i nuovi obiettivi europei per la circular economy", il riciclo degli imballaggi al 70,3%

Close