Efficienza energetica

10 consigli alle aziende per risparmiare energia

Sono quelli forniti dal progetto Steeep, che vuole offrire alle piccole e medie imprese informazioni e strumenti in termini di efficienza energetica

Scritto da il 28 dicembre 2015 alle 8:00 | 0 commenti

10 consigli alle aziende per risparmiare energia

Si chiama Steeep, acronimo di Support and Training for an Excellent Energy Efficiency Performance (supporto e formazione per un ottimo rendimento in termini di efficienza energetica) ed è il nome del progetto europeo che si propone di offrire alle piccole e medie imprese, attraverso le Camere di commercio, una serie di informazioni e strumenti ad hoc per la valutazione e il miglioramento dell’efficienza energetica al loro interno.
Vi partecipano 11 Paesi coordinati da Eurochambres, associazione delle camere di commercio europee; Unioncamere è il partner italiano che coordina il gruppo di lavoro composto da 7 unioni regionali (Piemonte, Lombardia, Marche, Molise, Liguria, Campania, Veneto) e 3 Camere di commercio (Matera, Lucca e Aosta).
L’obiettivo è ambizioso: ridurre dal 10 al 15% i consumi di energia delle 130 imprese partecipanti, cui si offre un accompagnamento personalizzato che comprende anche una serie di momenti di incontro collettivi sul territorio.
Come spiega a Tekneco Katia Costa, di Unioncamere Piemonte, «Steeep non eroga finanziamenti, ma consigli e suggerimenti a costo zero su come efficientare l’utilizzo dell’energia all’interno delle PMI, in particolare le piccole e le micro imprese».
Sul territorio piemontese è stato realizzato l’audit su 18 imprese con un report mirato a valutare l’utilizzo dell’energia interno, evidenziando eventuali sprechi. Una volta reso il report, sono offerti consigli e suggerimenti su come ridurre i consumi energetici. «L’obiettivo è di realizzare una banca dati in cui verrano presentati le migliori soluzioni di efficientamento energetico», spiega ancora la referente dell’Area Progetti e Sviluppo del territorio dell’associazione delle otto Camere di commercio del Piemonte.
Il progetto si concluderà nel 2017. Ora si attendono i risultati da parte di tutti gli attori europei coinvolti e poi si procederà alla restituzione dei risultati. Come si accennava, l’aspetto informativo è un aspetto importante del progetto. Per questo è prevista la realizzazione di cicli seminariali volti a presentare il progetto e quelle misure a sostegno del processo di efficientamento energetico in azienda. «Sono stati calendarizzati degli incontri che dovrebbero partire a febbraio/marzo 2016 in cui vorremmo presentare le opportunità offerte a livello regionale», aggiunge Costa.

I consigli

All’interno del progetto è stata realizzata una brochure con un “decalogo del risparmio energetico”: regole semplici all’interno delle quali sono evidenziati anche gli effetti positivi offerti da semplici accorgimenti. Quali? Per esempio, abbassare la temperatura del riscaldamento di 1 °C e viceversa aumentare la temperatura del sistema di aria condizionata di 1 °C: “questo si tradurrà in circa il 6% di risparmio energetico”. Oppure sapere che una fotocopiatrice, lasciata accesa durante la notte, utilizza energia sufficiente per produrre più di 1500 copie (fonte: Carbon Trust); oppure ottimizzare il consumo del sistema di aria compressa, la cui riduzione della pressione di 0,5 bar significa 3,5% in meno di consumo di energia. Ecco di seguito, in sintesi, i 10 consigli:
1. Spegni le luci se non necessario
2. Rendi la tua giornata di lavoro efficiente, ad esempio sfruttando quanto più possibile la luce naturale, scegliendo colori chiari per le pareti e lampade a basso consumo energetico e spolverandole almeno una volta l’anno.
3. Spegni le apparecchiature per l’ufficio
4. Regola i termostati
5. Passa a una refrigerazione più intelligente
6. Esegui una manutenzione regolare pulendo o cambiando i filtri degli impianti di riscaldamento, ventilazione e condizionamento frequentemente (almeno una volta al mese se l’azienda si trova in un’area industriale in cui l’aria è particolarmente inquinata)
7. Ottimizza il sistema di aria compressa
8. Sii efficiente sin dall’inizio scegliendo nuove attrezzature secondo criteri specifici (caldaie a basso consumo, lampadine ad alta efficienza energetica ecc.)
9. Monitora il consumo di energia
10. Confronta le offerte scegliendo il contratto e il tipo di energia che meglio si adatta alle proprie esigenze e considerando anche il passaggio ad una tariffa di energia elettrica rinnovabile per la propria attività.

Scarica la brochure in pdf con i consigli per ridurre i consumi in azienda: http://www.csr.unioncamere.it/P42A0C1372S139/Progetto-europeo-STEEEP.htm


Rispondi

Nome (richiesto)

Email (richiesta, non verrà pubblicata)

Sito web (opzionale)


Condividi


Tag


L'autore

Andrea Ballocchi

Andrea Ballocchi, giornalista e redattore free lance. Collabora con diversi siti dedicati a energie rinnovabili e tradizionali e all'ambiente. Lavora inoltre come copywriter e si occupa di redazione nel settore librario. Vive in provincia di Milano.


SOLAR ASSET MANAGEMENT
Illuminotronica 2016
SIFET
NEXT ENERGY
SOLAR ASSET MANAGEMENT
BUILDING INNOVATION

ANICA
BTicino
tekneco è anche una rivista
la tua azienda su google maps

Più letti della settimana



Continua a seguire Tekneco anche su Facebook:

Altri articoli in Ecologia, Edilizia Bio, Energia Alternativa
Eiffel Tower Human Aerial Art
2015 di Greenpeace, un anno di azioni in difesa del pianeta. La fotogallery

Greenpeace racconta il suo 2015 con le immagini più significative dell’anno che si sta per concludere

foto-natale2015
Collegato ambientale: la green economy sotto l’albero

Approvato il Ddl ambiente che stabilisce nuove regole e finanziamenti in materia di rifiuti, economia circolare, dissesto idrogeologico e natura

Close